IMU e TASI. Il Comune approva il nuovo regolamento.

L’Acconto TASI, solo per il 2014, si verserà entro il 16 ottobre!

Il Consiglio Comunale in data 08/09/2014 ha approvato con deliberazione n. 57 dell’08/09/2014 il Regolamento dell’imposta unica comunale (IUC) relativamente alle componenti IMU e TASI e con deliberazione n. 58 le aliquote e detrazioni relative ai due tributi.

IMU – Imposta Municipale Unica

Partiamo da chi non paga. Nel regolamento è espressamente indicato chi è esonerato dal pagamento dell’IMU. L’Imposta non si applica:

  • all’abitazione principale e relative pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 ed A/9;
  • alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal D.M. 22/06/2008 del Ministro delle infrastrutture;
  • alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito del provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • ad un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle forze armate e alle forze di polizia ad ordinamento civile e militare, nonché al personale del corpo nazionale dei vigili del fuoco e, fatto salvo quanto previsto dall’art. 28, DELIBERA DI CONSIGLIO N. 57 del 08-09-2014 COMUNE DI LUCERA comma 1, del Decreto Legislativo 19/05/2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  • ai fabbricati rurali ad uso strumentale all’esercizio dell’attività agricola, di cui all’articolo 9 comma 3 bis del decreto legge 30/12/1993, n. 557 convertito dalla Legge 26/02/1994, n. 133.

ALIQUOTE E DETRAZIONI IMU

Come anticipato qualche giorno fa da GsLucera.it, le aliquote IMU deliberate dal Comune di Lucera sono le seguenti

  • aliquota agevolata dello 0,40% + detrazione di € 200,00 – abitazione principale appartenente alla categoria catastale A/1, A/8 ed A/9 e relative pertinenze (un C/2, un C/6, un C/7);
  • aliquota ordinaria dell’1,06% – altri fabbricati, aree fabbricabili, terreni;

TASI – Tributo Comunale per Servizi Indivisibili

La TASI è dovuta da chiunque possieda, a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione o
superficie, o detenga a qualsiasi titolo i fabbricati o aree edificabili. Il Tributo non è dovuto dai possessori di terreni agricoli. 

Sono esenti dalla TASI, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono le
condizioni prescritte, gli immobili ubicati nel Comune di Lucera posseduti, in qualità di proprietario o di titolare di altro diritto reale di godimento, dallo Stato, dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Foggia, dallo stesso Comune di Lucera, dai consorzi tra detti enti, ove non soppressi, nonché dagli enti del servizio sanitario nazionale, purché destinati esclusivamente ai compiti istituzionali.
Sono altresì esenti le fattispecie sotto riportate:

  • i fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9;
  • i fabbricati con destinazione ad usi culturali di cui all’articolo 5 bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601, e successive modificazioni;
  • i fabbricati destinati esclusivamente all’esercizio del culto, purché compatibile con le disposizioni degli articoli 8 e 19 della Costituzione, e le loro pertinenze;
  • i fabbricati di proprietà della Santa Sede indicati negli articoli 13, 14, 15 e 16 del Trattato lateranense, sottoscritto l’11 febbraio 1929 e reso esecutivo con legge 27 maggio 1929, n. 810;
  • i fabbricati appartenenti agli Stati esteri e alle organizzazioni internazionali per i quali è prevista l’esenzione dall’imposta locale sul reddito dei fabbricati in base ad accordi internazionali resiesecutivi in Italia;
  • gli immobili posseduti ed utilizzati dai soggetti di cui all’articolo 73, comma 1, lettera c), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, fatta eccezione per gli immobili posseduti da partiti politici, che restano comunque assoggettati all’imposta indipendentemente dalla destinazione d’uso dell’immobile, destinati esclusivamente allo svolgimento con modalità non commerciali di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, di ricerca scientifica, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonché delle attività di cui all’articolo 16 comma 1 lettera a), della legge 20 maggio 1985, n. 222. Ai fini dell’esenzione di cui all’articolo 7, comma 1, lett. i), del D. Lgs. 504/’92 resta ferma l’applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 91bis del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27 e successive modificazioni.

Il versamento del tributo è effettuato direttamente dal contribuente mediante modello di pagamento F24, nonché tramite apposito bollettino di conto corrente postale. Il soggetto passivo effettua il versamento del tributo complessivamente dovuto per l’anno in corso in due rate, aventi le stesse scadenze fissate per l’IMU. Ad eccezione dell’acconto 2014, che si verserà straordinariamente entro il 16 ottobre, la prima rata, con scadenza 16 giugno, è pari all’importo dovuto per il primo semestre calcolato sulla base delle aliquote e delle detrazioni fissate per l’anno precedente. La seconda rata, da versare entro il 16 dicembre, è calcolata a saldo dell’importo dovuto per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata. È consentito il pagamento in unica soluzione entro il 16 giugno di ciascun anno.

ALIQUOTE TASI

TASI - Le aliquote definitive
TASI – Le aliquote definitive
Print Friendly, PDF & Email

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*